Seguici su

Atalanta

Atalanta sulle montagne russe: cosa succede alla Dea

Perché la squadra di Gasperini alterna grandi prestazioni a cadute improvvise?

Pubblicato

il

Gian Piero Gasperini (© LaPresse)

Quattro successi, due pareggi e due sconfitte. E’ questo il ruolino di marcia in campionato dell’Atalanta nel 2023. Un rendimento che però si è mostrato altalenante, con due sole vittorie di fila (contro Bologna e Salernitana) e le altre intervallate da pareggi o sconfitte, le ultime delle quali contro Sassuolo e Lecce. Anche in Coppa Italia, al rotondo 5-2 rifilato allo Spezia ha fatto seguito l’eliminazione con l’Inter.

La versione di Gasp

Al termine del match perso contro il Lecce, l’allenatore nerazzurro Gian Piero Gasperini ha individuato due problemi: il gol preso a freddo che ha condizionato la gara e la difficoltà di giocare in casa contro squadre che si chiudono difendendosi basse. In effetti, al Gewiss Stadium la Dea viaggia ad una media di 1,55 punti a partita (5 vittorie, 2 pareggi e 4 sconfitte) contro i 2 tondi lontano da Bergamo (7 vittorie, 3 pareggi e 2 sconfitte).

Gol vs punti

Dati su cui riflettere, attenuati in parte da quello delle reti segnate e subite. Tra le mura amiche la squadra di Gasperini sinora ha viaggiato con due gol fatti di media a match e 1,3 subite, mentre lontano dallo stadio di casa ha segnato 1,6 reti di media a partita subendone 0,91. E’ dunque per prima l’Atalanta ad avere un atteggiamento più prudente in trasferta, almeno limitando lo sguardo al delta tra gol fatti e subiti.

Contropiede

La Dea soffre nel contrastare i contropiede avversari. Uno scenario che si verifica maggiormente di frequente in casa, ma che dipende in realtà molto dalle caratteristiche degli avversari di turno. Il trittico di sconfitte prima della sosta mondiale sono anche le gare in cui la squadra di Gasperini ha concesso più ripartenze agli avversari.

Evoluzione tattica

Quest’anno i nerazzurri esercitano un pressing di minore intensità e hanno visto diminuire anche i parametri dell’intensità nel duello, oltre a commettere in media meno falli. Oltre a questo aspetto, l’Atalanta ha visto crollare anche le proprie percentuali di possesso palla a favore di una manovra più diretta. Tutti elementi che favoriscono i contropiede avversari. Gasperini dunque dovrà riuscire a ritrovare un nuovo equilibrio dopo che quello delicato raggiunto dopo il mondiale sembra non essere più sufficiente.

Puoi seguire OA Calcio su Facebook

Clicca per commentare

Tu cosa ne pensi?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *