Seguici su

Azzurri

Qualificazioni Europei Under 19 2024: l’Italia viene sconfitta di misura dalla Svizzera, passaggio del turno a rischio

Pubblicato

il

Simone Pafundi

Sconfitta potenzialmente durissima per l’Italia Under 19 di Bernardo Corradi ai fini della qualificazione alla Elite Round nel cammino verso gli Europei di categoria che si terranno in Irlanda del Nord nella prossima estate. Gli azzurrini sono stati battuti per 1-0 dalla Svizzera nel match iniziato alle ore 13.00 a Boras (Svezia), valevole per la seconda e penultima giornata del gruppo 4 della prima fase dei preliminari della rassegna continentale.

Una battuta d’arresto imprevista e inattesa contro una formazione che, sulla carta, partiva nettamente in svantaggio rispetto ai campioni d’Europa in carica. Match che vede un inizio arrembante degli azzurri, i quali colpiscono due pali nel giro di due minuti, prima con Vacca al 20′, poi con Ciammaglichella al 22′. Sfortuna che perseguita gli azzurri anche successivamente, visto che anche Di Maggio prende il legno al 37′.

Dopo un più tranquillo avvio di ripresa, al 66′ arriva la doccia gelata per la squadra del Bel Paese con la rete di Calixte Ligue che, entrato nel secondo tempo, batte Magro e porta in vantaggio i suoi. Gli azzurri reagiscono prontamente al gol subito ma, nonostante uno sforzo encomiabile, non riescono a pareggiare i conti, colpendo al contempo altri due pali con Chiarodia al 75′ e Romano al 93′.

Adesso ci sarà da attendere l’esito della sfida tra Svezia e Liechtenstein per poter intavolare le possibili combinazioni affinché l’Italia possa passare il turno. Se gli scandinavi dovessero battere gli alpini con lo stesso punteggio degli azzurri (7-0), allora la selezione del Bel Paese dovrà andare a caccia, per forza di cose, dei tre punti. In caso contrario, all’Italia basterà pareggiare con i padroni di casa – nel match programmato per le 18.00 di martedì 21 novembre – per potersi qualificare alla Elite Round.

Foto: Lapresse

Puoi seguire OA Calcio su Facebook

Clicca per commentare

Tu cosa ne pensi?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *