Seguici su

Calcio estero

Coppa d’Asia, l’Iran in semifinale all’ultimo respiro: rigore di Jahanbakhsh, Giappone ko 2-1

Pubblicato

il

In rimonta, all’ultimo respiro, l’Iran fa il colpaccio. Il rigore di Alireza Jahanbakhsh in pieno recupero spedisce il Team Melli in semifinale di Coppa d’Asia, battendo così il Giappone per 2-1, tornando così tra le migliori quattro del continente, risultato confermato dopo il torneo di cinque anni fa. Delusione massima invece per i giapponesi, che avevano assaporato il sesto approdo al penultimo atto.

Il match sembrava mettersi al meglio per i giapponesi, che controllavano la partita con calma e passando in vantaggio al 28′ con il gol di Morita: percussione un po’ fortunosa dalla sinistra, vincendo un paio di rimpalli il calciatore dello Sporting si ritrova solo avanti a Beiravand. Il suo tiro non è irresistibile, ma l’intervento dell’estremo difensore iraniano è imperfetto, la palla si impenna e finisce in porta. 

L’Iran si riversa in avanti alla ricerca del pari, verticalizzando verso la porta di Suzuki. E al 55′ trovano il pareggio al 55′: Azmoun lavora una gran palla sulla trequarti servendo il taglio di Mohebi, che non trema avanti al portiere del Giappone.

Gli iraniani continuano a spingere motivati dal pari e in pieno recupero guadagnano un rigore sacrosanto; pasticcio tra Tomiyasu e Itakura, alle loro spalle arriva Kanaanizadegan e il centrale del Borussia Monchengladbach lo atterra. Jahanbakhsh va sul dischetto, il suo tiro è forte e angolato: Suzuki intuisce ma non ci arriva. Gli ultimi assalti del Giappone non vanno a buon fine, l’Iran festeggia e attende una tra Qatar e Uzbekistan, che si affronteranno nel pomeriggio.

Foto: LaPresse

Puoi seguire OA Calcio su Facebook

Clicca per commentare

Tu cosa ne pensi?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *