Seguici su

Le pagelle

Pagelle Genoa-Atalanta, voti Serie A 1-4: Koopmeiners torna e fa la differenza, Gudmundsson il peggiore

Pubblicato

il

Atalanta-Koopmeiners/Lapresse

Genoa-Atalanta, gara domenicale delle 18 della 24esima giornata della Serie A. Gli uomini di Gilardino contro quelli di Gasperini. Al Ferraris finisce 4-1 per l’Atalanta: in gol De Ketelaere, Koopmeiners, Zappacosta e Touré. Per il Genoa il gol porta la firma di MalinovskyiEcco le pagelle del match.

PAGELLE GENOA-ATALANTA 1-4

GENOA

Martinez 6,5 – Non può assolutamente nulla né sul gol di De Ketelaere né sulla punizione di Koopmeiners. Salva la porta più volte nel finale dimostrando ancora una volta il suo valore.
Vogliacco 5,5 – Soffre moltissimo le giocate di De Ketelaere, che non gli dà mai dei riferimenti. In affanno per gran parte della gara, non rimpiazza al meglio De Winter (92′ Vitinha sv).
Bani 6 – Lotta con Scamacca prima e con Touré poi, dando vita a due gran duelli senza esclusione di colpi. Gilardino gli ha affidato le chiavi della difesa e lui sta ampiamente ricambiando.
Vasquez 6 – Koopmeiners non è un avversario facile da marcare, ma tutto sommato riesce a tenere botta. E’ un titolare fisso di questa squadra, la sua duttilità è un’arma importante.
Sabelli 5,5 – L’impegno ce lo mette eccome, ma a volte è troppo precipitoso nelle scelte. Soffre molto la corsa di Ruggeri e le giocate di De Ketelaere (83′ Messias sv).
Malinovskyi 6,5 – Dopo un primo tempo complicato, trova il pareggio a inizio ripresa con un bolide di sinistro che non lascia scampo a Carnesecchi. Ma non basta per fare punti.
Badelj 6,5 – La solita grande diga davanti alla difesa. Non lascia passare quasi nulla dalle sue parti, si trova sempre nel posto giusto al momento giusto. L’assist per Malinovskyi è un gioiello (63′ Ekuban 6 – Come sempre entra bene in partita, serve a Gudmundsson la palla del pareggio che, però, l’islandese sbaglia).
Strootman 6 – Il duello con De Roon appassiona tutti gli amanti dello sport: entrambi sono gli equilibratori delle proprie squadre e non tirano mai indietro la gamba (63′ Martìn 5,5 – Ingresso non esaltante, anche se ci mette impegno).
Frendrup 6 – Nonostante giochi fuori ruolo, non sfigura. Anzi, si fa apprezzare per la grande applicazione che ci mette e per il dinamismo. A inizio ripresa va vicino al gol.
Gudmundsson 4,5 – Nel finale ha un’occasione clamorosa per pareggiare, ma è poco lucido davanti al portiere. Oggi era poco ispirato, tant’è che non arriva quasi mai alla conclusione. Il Genoa ha bisogno della sua migliore versione per continuare a fare punti.
Retegui 6 – Soffre molto la fisicità di Djimsiti, che gli lascia pochissimo spazio. Ma quando riesce a liberarsi crea sempre dei pericoli, come successo tra fine primo tempo e inizio ripresa.

All. Alberto Gilardino 5,5 – Si ferma a otto la striscia di risultati positivi. Dopo un primo tempo difficile, l’approccio della ripresa fa ben sperare ma non basta. Resta il fatto che battere il Genoa in casa sia ardua impresa.

ATALANTA

Carnesecchi 7 – Attento e decisivo per due volte su Retegui, sempre pronto quando viene chiamato in causa. Non può nulla sul pareggio di Malinovskyi. Spettacolare nel finale su Gudmundsson: una parata che vale tre punti.
Scalvini 6,5 – Sempre attento in marcatura e lucido nelle scelte in fase di costruzione. Dopo un inizio di stagione difficoltoso sta tornando ai suoi livelli: Gasperini può sorridere. Il VAR gli nega la gioia del primo gol stagionale (88′ Toloi – sv).
Djimsiti 6,5 – Da quando gioca stabilmente al centro della difesa è un altro giocatore. Asfissiante in marcatura, intelligente con il pallone tra i piedi. Ormai è un leader di questa squadra.
Kolasinac 6,5 – La sua presenza è un plus nella fase di costruzione e anche oggi lo dimostra: la sua pulizia nel giocare è una risorsa per i nerazzurri. Ottimo anche in fase difensiva.
Holm 5,5 – La sfida a tutta fascia con Frendrup è appassionante e piena di agonismo. Dopo un buon primo tempo, non inizia bene la ripresa e esce dopo poco (57′ Zappacosta 6,5 – Entra bene e trova il 3-1 con un tap-in sotto porta. E’ suo il 700esimo gol della gestione Gasperini).
De Roon 6 – E’ sempre al posto giusto nel momento giusto, confermando ancora una volta tutta la sua intelligenza tattica. Se Gasperini non rinuncia mai a lui un motivo ci sarà.
Pasalic 6,5 – Sul gol del vantaggio trova un’imbucata meravigliosa per De Ketelaere. Schierato non nel suo ruolo naturale, offre una grande prestazione in entrambe le fasi. L’unica pecca è il gol sbagliato a tu per tu con Martinez.
Ruggeri 6 – Gasperini continua a dargli fiducia e lui ripaga a suon di prestazioni. Anche oggi sempre molto attento in entrambe le fasi, controlla bene Sabelli (95′ Hateboer sv).
Koopmeiners 7 – Torna in campo dopo due assenze per infortunio e decide la gara con una punizione spettacolare che non lascia scampo a Martinez. Giocatore di un’altra categoria.
De Ketelaere 6,5 – Sta vivendo il suo magic moment. Sblocca la partita con una perla, un gol che in pochi sanno fare. E’ libero di testa e si vede, questo lo aiuta ad esprimere tutto se stesso. Approccia male la ripresa e Gasp lo cambia quasi subito (57′ Touré 6,5 – Fa il suo esordio in campionato con la maglia dell’Atalanta e trova il primo gol in Serie A)
Scamacca 5 – Sin dalle prime battute Gasperini non era contento della sua prestazione e a inizio ripresa lo toglie dal campo. Oggi poco connesso (57′ Miranchuk 6 – Non brilla, ma serve a Touré l’assist del definitivo 4-1).

All. Gian Piero Gasperini 6,5 – Quarta vittoria di fila e quarto posto consolidato. L’Atalanta oggi non brilla più di tanto, ma ha dei top player in grado di risolvere da soli le partite. In pochi hanno vinto in questo campo, lui è un di quelli.

Puoi seguire OA Calcio su Facebook

Clicca per commentare

Tu cosa ne pensi?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *