Seguici su

Champions League

Cosa deve fare l’Italia per avere cinque posti in Champions League? Gli scenari e le Nazioni avversarie

Pubblicato

il

Champions League Trofeo
LaPresse

Fino a qualche tempo fa sembrava un mera utopia, ma l’Italia nella prossima stagione di Champions League, potrebbe avere addirittura cinque formazioni ai nastri di partenza. No, non si tratta di un refuso. Le squadre di casa nostra sono davvero vicine ad un traguardo storico dato che mai era accaduto che la nostra Nazione potesse portare più di quattro squadre nella massima competizione continentale per club.

IL NUOVO FORMAT

Ma, esattamente, come potrebbe avvenire questo record? Iniziamo con il ricordare che dalla prossima stagione, la Champions League vedrà una vera e propria rivoluzione a livello di format. Le squadre saranno 36 (e non più 32) e saranno tutte collocate in un girone unico (come un vero e proprio campionato) nel quale in base al ranking, vedremo 4 fasce (da 9 formazioni ciascuna).

NON PIù SOLO 4…

Un aspetto importantissimo da valutare sarà quello che riguarda il numero delle squadre di case nostra al via della manifestazione. L’Italia avrà a disposizione i canonici 4 posti derivanti dal campionato. Ci sarà un asterisco, però. Le compagini italiane, infatti, potrebbero essere 5. In che modo? Se, infatti, una squadra italiana, che non sia già qualificata tramite il campionato, vincesse la Champions League o l’Europa League attuali, il numero salirebbe da 4 a 5.

LA NUOVA POSSIBILITA’

Ma, c’è di più. La UEFA metterà in palio un posto in più alle due Federazioni che otterranno il punteggio complessivo più alto nel Ranking UEFA per nazioni stagionale. Se, per esempio, l’Italia confermasse il secondo posto dell’anno scorso, arriverebbe uno slot in più per le nostre squadre. Al momento, udite udite, è proprio la nostra Nazione a dettare legge. 

LA SITUAZIONE DEL RANKING UEFA

L’Italia grazie alle 7 squadre qualificate per gli ottavi di finale, svetta con 15.571 punti, con la Germania seconda con 14.500. Come si può vedere, dunque, il gap è ampio. Terza posizione per l’Inghilterra con 13.875, quarta per la Francia con 13.250, quinta per la Spagna con 13.188.

Puoi seguire OA Calcio su Facebook

Clicca per commentare

Tu cosa ne pensi?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *