Seguici su

Serie A

Gli italiani che hanno segnato nel weekend: Rugani decisivo nel recupero, Frattesi merita la titolarità

Pubblicato

il

Frattesi / LaPresse

La ventiseiesima giornata si concluderà quest’oggi con due partite assai interessanti. Intanto nelle altre otto brilla il tricolore: su ventidue reti segnate in otto match, sono dodici i gol segnati da calciatori italiani, più del 50%. Vediamoli insieme.

Venerdì il Bologna ha avuto la meglio sul Verona per 2-0 e brilla ancora la stella di Giovanni Fabbian: quarta rete stagionale per il centrocampista scuola Inter, che ha aperto le marcature contro gli scaligeri e continua a profilarsi un futuro sempre più interessante per il futuro.

Passiamo al sabato, dove i calciatori nostrani hanno furoreggiato. A partire da Sassuolo-Empoli, con i toscani vincitori per 3-2; a deciderla è Simone Bastoni nel finale, ma spicca anche la prima firma in campionato di Sebastiano Luperto, ormai sempre più leader della retroguardia di Davide Nicola. Dall’altra parte i gol di Andrea Pinamonti (zitto zitto il miglior marcatore italiano con Berardi e Orsolini) e Gian Marco Ferrari non sono bastati a salvare la panchina di Dionisi.

A seguire, il Monza sorride con il primo gol in biancorosso di Daniel Maldini e la quarta, deliziosa impronta stagionale di capitan Matteo Pessina che significano successo sulla Salernitana, mentre il Genoa ha ragione dell’Udinese con la rovesciata di Mateo Retegui, che torna al gol dopo un mese, e di Mattia Bani.

Domenica un po’ più avara di gol italiani: il Frosinone aveva sognato per un po’ il colpaccio anche grazie a Marco Brescianini, profilo sempre più interessante a centrocampo, ma la Juventus strappa una vittoria di capitale importanza nel finale grazie a Daniele Rugani che allontana un po’ di polemiche dalla testa di Allegri. L’Inter poi stravince con il Lecce e tra i protagonisti c’è Davide Frattesi: un gol e un assist per il centrocampista, sempre più calato nel ruolo di dodicesimo uomo di questa squadra ma che aspirerebbe a qualcosa di più.

Puoi seguire OA Calcio su Facebook

Clicca per commentare

Tu cosa ne pensi?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *