Seguici su

Azzurri

Italia, il primo passo verso gli ottavi è compiuto. Con la Spagna un pareggio potrebbe bastare

Pubblicato

il

Spalletti Italia
Spalletti / Lapresse

Il primo passo è stato fatto. L’Italia si è messa in saccoccia i tre punti con il successo sull’Albania al debutto degli Europei 2024. Forse i più importanti per raggiungere il primo obiettivo di questa competizione continentale, accedere agli ottavi di finale superando un gruppo B che, quando sorteggiato, non prometteva niente di buono.

Il successo contro la selezione di Sylvinho ha permesso all’undici di Spalletti di rompere il ghiaccio. Erano tanti i dubbi con cui gli azzurri arrivavano in Germania, e sicuramente la vittoria di sabato non li ha spazzati via. Ma almeno, li ha diradati, permettendo di prendere un discreto vantaggio di tre lunghezze sulla Croazia, presumibile rivale per il secondo posto.

Non che i Vatreni abbiano entusiasmato nel debutto contro gli iberici. Enorme merito alle Furie Rosse, autrici di una partita a lunghi tratti dominante. Ma la selezione di Dalic è apparsa meno brillante di quanto ci si sarebbe aspettato, con la qualità di Pedri e Fabian Ruiz che ha tolto il velo sui trentanove anni di Luka Modric e la mancanza di una punta davvero pericolosa, oltre alla scelta discutibile di dirottare Gvardiol come terzino sinistro per fare spazio a Pongracic (maluccio il calciatore del Lecce) al centro.

Domani gli azzurri se la vedranno con la Spagna e anche un pareggio potrebbe essere accolto con un bel sorriso in vista della terza partita del girone, quella con la Croazia stessa. Il punticino permetterebbe sicuramente di mantenere un po’ di vantaggio sui croati e anche instradarsi verso la qualificazione eventuale come una delle migliori terze.

Oltre iniziare con i calcoli per il proprio destino. La prima del girone finirebbe in rotta di collisione con la Germania ai quarti, e i tedeschi appaiono un mix perfetto di gioventù ed esperienza. Il secondo posto invece ci metterebbe sulla strada dell’Inghilterra, che non ha sicuramente brillato contro la Serbia. Ma forse ci stiamo spingendo un po’ troppo oltre, una partita alla volta…

 

Continua a leggere le notizie di OA Sport Calcio e segui la nostra pagina Facebook

Clicca per commentare

Tu cosa ne pensi?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *