Seguici su

Azzurri

Italia, Spalletti in vista della Croazia: “Pensare che basti un pareggio è un errore”

Pubblicato

il

Luciano Spallett

A poco più di 24 ore dalla sfida con la Croazia valido per il terzo e decisivo turno della fase a gironi degli Europei del 2024, Luciano Spalletti è tornato a parlare per presentare la gara. Il ct degli Azzurri si è concentrato sulla possibile formazione da schierare e sulla mentalità da adottare in vista del match. Ecco di seguito le sue parole riportate da Sky.

ITALIA: LE PAROLE DEL CT SPALLETTI

“Si può cambiare un elemento che ha caratteristiche differenti ma poi passa sempre da lì: io sto più tranquillo quando la palla ce l’abbiamo noi e sto più in tensione quando la palla ce l’hanno gli altri. Per cui, al di là che poi qualche volta siamo costretti a subire il gioco degli avversari, noi vogliamo fare la partita. Sarebbe un gravissimo errore entrare in campo pensando che a noi basta il pareggio per qualificarciQuesto li farebbe essere in vantaggio dal punto di vista del comportamento in campo e ci metterebbe in difficoltà”.

Partita estrema come per la Spagna? Con la Croazia è uguale. Sono partite dove c’è giusta pressione perché hanno molta importanza per il risultato e coinvolgono il sentimento di molte persone. Va saputa gestire e poi la risposta è sempre la stessa: fare il massimo momento dopo momento, così ti fa sentire a posto con la coscienza”.

LE CONSIDERAZIONI SU SCAMACCA E LA CROAZIA

Scamacca è un calciatore più estroso, ti puoi aspettare qualsiasi numero da lui, anche magari l’errore che non ti aspetti perché era una palla di facile gestione. È più istintivo, estroso nelle giocate. Retegui è più lineare ma quando gli capita l’occasione da sfruttare è difficile che la manchi. In questo è più naturale. Però poi abbiamo a che fare con due calciatori forti, non dimentichiamo Raspadori, che lega con la squadra ed è bravissimo dal punto di vista tecnico a partecipare con la squadra”.

Mi aspetto una Croazia con il 4-3-3 o il 4-2-3-1, poi è chiaro che passando i minuti loro saranno più disposti a far venir fuori un duello all’ultimo sangue, perché hanno bisogno della vittoria, saranno costretti a sbilanciarsi, un po’ la partita che hanno fatto con l’Albania, quando hanno attaccato all’arma bianca. Inizialmente gli aveva dato un vantaggio, pur scoprendosi molto in contropiede. È una squadra fortissima, dal punto di vista di palleggio e tecnico. Questa ricerca degli spazi tra i calciatori sono maestri a metterla in pratica”.

Foto: LaPresse

Continua a leggere le notizie di OA Sport Calcio e segui la nostra pagina Facebook

Clicca per commentare

Tu cosa ne pensi?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *